Crypto: IN ARRIVO LA VOLUNTARY DISCLOSURE PER LE CRYPTO-ATTIVITÀ

Fiato sospeso fino all’approvazione della legge.


Il progetto di legge di Bilancio 2023  prevede una “voluntary disclosure” (cioè una regolarizzazione spontanea) per le cripto-attività detenute fino al 31 dicembre 2021 che non sono state dichiarate nel quadro RW.

Se il disegno di legge andrà in porto, sarà possibile presentare una dichiarazione con cui far emergere gli importi sconosciuti al Fisco.

Chi non ha realizzato redditi verserà solo una sanzione ridotta dello 0,5% per ogni anno sul valore delle attività non dichiarate.

Chi invece ha ottenuto dei redditi dalle cripto-attività da far emergere dovrà inoltre pagare un’imposta forfettaria del 3,5% del valore delle attività detenuta al termine di ogni anno o al momento del realizzo.

In passato alcuni hanno dubitato che le valute virtuali dovessero essere indicate nel quadro RW. Riteniamo che il fatto che la prossima legge preveda una sanatoria costituirà una conferma normativa dell’obbligo anche per il passato.

La proposta di legge prevede anche di dare un quadro definito alla fiscalità diretta del mondo crypto. Ne parleremo prossimamente.

Il nostro Studio si occupa attivamente della fiscalità dei crypto assets. Contattateci!

 

Christian Penso