In arrivo la fatturazione elettronica obbligatoria per tutti i contribuenti-sudditi


La proposta di legge di bilancio 2018 prevede l’obbligo di fatturazione elettronica dall’1.01.2019 per tutte le imprese e per tutti i professionisti.

Si tratta di un azzardo. Le piccole e medie imprese non sono certamente ancora pronte. E dopo il disastro dello Spesometro, la recente corvée imposta agli operatori senza che l’Agenzia delle entrate fosse in grado di ricevere i trilioni di dati richiesti, è lecito domandarsi se sia pronta l’amministrazione finanziaria.

Lo slogan per questa operazione è la lotta all’evasione. Sono previsti introiti mirabolanti. Il solito fumo negli occhi, la solita retorica per coprire l’imposizione di grandi fastidi. Chi non vuole emettere fattura, non emetterà nemmeno quella elettronica. Chi agisce nella legalità, subirà invece l’ennesimo stress da adempimenti.

È ovvio che la fatturazione elettronica arriverà. È il futuro. Alla lunga semplifica alcuni passaggi amministrativi e contabili. Non vogliamo certo combattere una battaglia di retroguardia, ma oggi questo progetto non può essere imposto considerando, per l’ennesima volta, i contribuenti come sudditi! Deve accettare la sfida di essere semplice e conveniente per potersi diffondere.

 

Christian Penso