DIVIDENDI ESTERI

Dal 1°gennaio dimezzata l’ires sui dividendi provenienti da paesi black list

 

La legge di bilancio ha alleggerito il carico fiscale, ai soli fini IRES, sui dividendi provenienti da paradisi fiscali.

A partire dal 1°gennaio, infatti, gli utili provenienti da società estere a regime fiscale privilegiato, percepiti da soggetti IRES, sono tassati nella misura del 50%, a condizione che sia dimostrato l’effettivo svolgimento di un’attività industriale o commerciale da parte della società estera (e che tali dividendi non siano già stati assoggettati a tassazione per trasparenza in base alla normativa CFC).

Fino ad oggi tali utili erano comunque assoggettati a tassazione IRES in misura piena.

Sarà inoltre possibile richiedere il credito d’imposta nella misura del 50% delle imposte eventualmente assolte all’estero dalla partecipata sugli utili maturati nel periodo di possesso della partecipazione.

La nuova disposizione va indubbiamente salutata con favore, anche se, a ben vedere, non rappresenta un’agevolazione ma si limita a correggere (soltanto a metà) una stortura del previgente regime.

Paolo Venuti